Collectio

Il progetto Pompeii Commitment. Materie archeologiche ha tra i suoi obiettivi la costituzione di una collezione di arte contemporanea per il Parco Archeologico di Pompei, denominata Collectio.

Essa sarà concepita dagli artisti a partire dallo studio e dell’interpretazione delle “materie archeologiche” custodite nelle aree di scavo e nei depositi del sito. Collectio – che prenderà avvio nella seconda metà del 2021 attraverso un programma di commissione, produzione e presentazione – sarà costituita quindi non solo da manufatti ma anche da documenti, progetti, prototipi, ipotesi, metodologie e esperienze sui molteplici significati della “materia archeologica” pompeiana.

In questo senso Pompeii Commitment. Materie archeologiche attua la valorizzazione del sito fisico e digitale di Pompei intendendolo come sito contemporaneo, in grado cioè di attivare nuove linee di ricerca artistica che rileggano con strategie sperimentali l’approccio ai temi del patrimonio culturale, nell’accezione odierna di cultural heritage. Per questo il progetto propone una specifica procedura di concezione e realizzazione dell’opera d’arte: innescata dall’inedita possibilità di interpretare la materia stessa della Storia, ogni opera di questa collezione si colloca negli interstizi fra tempo passato e tempo presente, fra patrimonio archeologico e ricerca contemporanea.

Le opere di Collectio saranno acquisite al patrimonio dello Stato Italiano, in consegna al Parco Archeologico di Pompei come collezione in-progress. Esposte e discusse in anteprima a Pompei, esse saranno successivamente presentate anche in altre sedi istituzionali (sia in musei archeologici che di arte moderna e contemporanea), in esposizioni temporanee e periodiche, oltre che accompagnate da un programma di seminari, conferenze e workshop.

Il programma Collectio è supportato dal Parco Archeologico di Pompei insieme al Partners Committee del progetto Pompeii Commitment. Materie archeologiche ed è ispirato alle linee guida del progetto Italian Council promosso dal MiBACT-Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo e volto allo studio e valorizzazione dell’arte contemporanea italiana. In questo caso Collectio pone al centro la riflessione da parte di artisti di tutto il mondo sulla contemporaneità del sito archeologico pompeiano – intendendolo come patrimonio storico e naturalistico contemporaneo italiano di valore universale.